Horror

Tocchiamo ferro…

Nino Laccisaglia - Giovanni Cianti, "Il mostro", in "Horror" n. 3 Nino Laccisaglia - Giovanni Cianti, "Il mostro", in "Horror" n. 3

Continuiamo la scoperta degli articoli del conte Emilio (chissà poi se conte lo era davvero o non si tratta piuttosto di una delle sue burle) con un viaggio tra le pagine della rivista che li ospitava. Pagine giovani, piene di idee, a volte contraddittorie, sempre stuzzicanti; pagine tridimensionali per la forza suggestiva dei contrasti bianco/nero; pagine traboccanti di libertà e di orgoglio di gruppo per essere i primi a fare qualcosa di nuovo e di speciale.

Ai lettori che chiedono di pubblicare storie americane rispondono: «No. Costerebbero molto meno, sarebbero forse anche migliori delle nostre. Ma questa mentalità, in tanti anni, non ha permesso a notevoli disegnatori italiani di poter offrire qualcosa di valido. I nostri disegnatori non saranno ancora superiori agli americani (in alcuni casi, ne dubitiamo), i nostri sceneggiatori dovranno ancora rodarsi, ma non intendiamo cedere, su questa linea».

Il più duro e coraggioso si dimostra Pier Carpi: mentre i nomi e le ambientazioni delle altre storie sono per lo più stranieri, lui segue un percorso tutto suo in cui grandi personaggi italiani, ridotti a icone polverose dalla consuetudine scolastica, rivivono in modo pazzo e surreale.

Nelle strisce di Beatrice, il rogo di una strega è il punto d’incontro di personaggi come Dante, Leonardo, Sant’Antonio perennemente in tentazione, re e papi: «Geni, mitomani, esaltati, protagonisti e vittime di grandi epoche giocano le loro parti, mentre il rogo di Beatrice continua a bruciare. Una strip nuova, veramente italiana, nel rifiuto degli schemi ideologici e grafici commercialmente imposti negli ultimi anni». Splendida, perseguitata, nuda - come la Verità, come la Conoscenza (non a caso, e con grande finezza, nella sequenza riportata sotto viene coperta nell’atto di mentire) - Beatrice è un’allucinata allegoria pop.

Pier Carpi - Marco Rostagno, Beatrice, in Horror n. 3
Pier Carpi - Marco Rostagno, Beatrice, in Horror n. 3

Un forte anticlericalismo si accompagna al fascino e al mistero dei simboli cristiani e della fede. Il vecchio prete a cui è toccato in sorte di ascoltare nientepopodimeno che la confessione pasquale di Jack lo Squartatore reagisce così:

Alfredo Castelli - Sergio Zaniboni, Confiteor!, in Horror n. 3
Alfredo Castelli - Sergio Zaniboni, Confiteor!, in Horror n. 3

L’ambiguità regna sovrana in una storia che per le molte e sottili sfumature meriterebbe una trattazione a sé: un giovane e idealista prete-operaio si trova catapultato da un corteo di protesta sessantottino all’epoca dell’Unità d’Italia e alla fine riceve le stimmate al cospetto di un Garibaldi-sagoma capace solo di ripetere a nastro «O Roma o morte!».

03 roma o morte
Pier Carpi - Marco Rostagno, O Roma o morte!, in Horror n. 3

Infine, Gesù in persona (o chi?) rinasce a riportare la pace e a fare miracoli alla fine della Seconda guerra mondiale:

Alfredo Castelli - Giorgio Montorio, Lo straniero, in Horror n. 3
Alfredo Castelli - Giorgio Montorio, Lo straniero, in Horror n. 3

Bastano questi assaggi per capire che qui si nasconde un mondo da riscoprire. Gli articoli che si alternano alle storie a fumetti sono di una qualità altissima: nel numero 3 (febbraio 1970), per esempio, esordisce la Storia del cinema fantastico di Piero Zanotto con un pezzo dedicato a Georges Méliès. E poi naturalmente c’è lui, Emilio de’ Rossignoli, pacato e riflessivo, grandissimo divulgatore: avevate mai pensato che la poesia e la superstizione sono affini nel tessere rapporti immaginari tra le cose, ma opposte perché la prima rende liberi, mentre la seconda rende schiavi?

Libri per genere

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente (bottoni social). Puoi accettarli o declinarne l'utilizzo.
Voglio approfondire Accetto e procedo! Non accetto e declino